Festival Nazionale dello Sport a Veroli

Festival Nazionale dello Sport Raccontato 2024: un evento imperdibile

Festival Nazionale dello Sport Raccontato 2024: un evento imperdibile Festival Nazionale dello Sport Raccontato 2024: un evento imperdibile La sesta edizione del Festival Nazionale dello Sport Raccontato è tornata a Veroli, un appuntamento atteso e amato da tutti gli appassionati di sport. L’evento, che si svolge dal 15 al 20 luglio 2024, è un’occasione unica per immergersi nelle storie e nei miti dello sport, attraverso una serie di eventi gratuiti e aperti al pubblico. L’impegno del comune di Veroli Il comune di Veroli ha dimostrato un forte impegno nella promozione della cultura e dell’arte attraverso eventi come il Festival dello Sport Raccontato. Questo festival non è solo un’occasione per celebrare lo sport, ma rappresenta anche un importante veicolo di cultura, educazione e intrattenimento per la comunità. Organizzato dalla squadra di Tutti i colori del libro, il festival propone un ricco programma di incontri con scrittori, giornalisti e protagonisti del mondo sportivo. La manifestazione sottolinea l’importanza di valori come l’eccezione e il mito nello sport, offrendo una prospettiva affascinante e approfondita sul mondo sportivo. La nascita del festival Il Festival Nazionale dello Sport Raccontato è nato con l’obiettivo di creare uno spazio dove la passione per lo sport potesse essere condivisa e celebrata attraverso racconti e narrazioni. La squadra di Tutti i colori del libro ha voluto dare voce a storie che altrimenti rimarrebbero inascoltate, creando un evento che mette in luce non solo i protagonisti dello sport, ma anche chi lo racconta. Questa sera il festival propone tre appuntamenti imperdibili: Ore 19:00 – Presentazione del libro “l’Atlante dei Numeri 10″ di Umberto Zimarri, autore del libro, accompagnato dai ragazzi de La Ragione di Stato, un fenomeno social noto per il suo tono divertente e dissacrante. Ore 21:00 – Il fenomeno tennis in Italia Stefano Meloccaro, giornalista di Sky, ci parlerà del fenomeno del tennis in Italia, …

Gallo brillo Roma

Gallo Brillo a Roma

Gallo Brillo a Roma Gallo Brillo a Roma Il vento non sa leggere…ma ti porta qui “Solo sei  persone  in tutta la Galassia sapevano che il  compito  del  presidente  non era esercitare il  potere  ma allontanare l’ attenzione  della gente da esso.” D. Adams Un posto è un luogo, una posizione, un territorio, uno spazio. Se sei in un posto, potresti tracciare un punto sulla tua collocazione su qualsiasi mappa, e quel punto sarebbe fissato, non mobile. Diversamente se non avessi un posto dove andare, ti muoveresti alla ricerca di esso. Guida enogastronomica di un autostoppista Il movimento è una delle essenze dell’Autostoppista; la ricerca e la sperimentazione le altre. La Guida è a Roma (Quartiere Prati), un posto unico, dove un piano regolatore da Milano camuffata si incontra con la romanità. Giovedì, Gnocchi! Dal Gallo Brillo @gallobrilloroma questo piatto povero, le cui radici risalgono al XVI secolo quando vennero importate in Italia le patate dall’America, viene presentato con un’armonia fonetica così fluida che arriva a solleticare le papille gustative tanto quanto la colonna vertebrale. Dopo l’ultimo assaggio l’Autostoppista capisce che piatto e vino sono 2 facce della stessa medaglia: Azienda Vinicola Terre Reali Di Fausto Grilli, Rosso da Tavola Uve 95% Montepulciano 5% Syrah. Un binomio consolidato nel tempo e vincente quello tra il locale e l’Azienda di Gallicano nel Lazio, un hic et nunc del momento, di quel luogo, imprescindibili l’uno dall’altro, indivisibili nella loro essenza. L’Oste Stefano Da Stefano, oste di città che richiama convivialità e accoglienza, si favoriscono gli scambi e le conoscenze reciproche tra gli ospiti, il tutto accompagnato da buon cibo e buon vino, componenti che nutrono non soltanto il corpo, ma anche l’anima. Qui, tutte le rappresentazioni della cucina hanno caratteristiche particolari, talmente diverse dagli stili e dal modo di fare cucina romana, da essere un luogo alternativo e …

20^ Festa del prosciutto 13 e 14 luglio

20^ Festa del prosciutto 13/14 luglio

20^ Festa del prosciutto 13/14 luglio 20^ Festa del prosciutto 13/14 luglio Benvenuti alla 20ª edizione della Festa del Prosciutto di Erzinio a Guarcino! Questo evento annuale, che si terrà il 13 e 14 luglio, celebra la tradizione culinaria locale con un focus irresistibile sul prosciutto, fiore all’occhiello della gastronomia ciociara. Un fine settimana di gusto e divertimento La festa promette un’esperienza sensoriale unica, con degustazioni guidate di prosciutto di Erzinio e altri salumi dell’azienda ciociara di alta qualità. I visitatori avranno l’opportunità di esplorare le delizie del territorio, con i menu street food e i dolci tradizionali come l’amaretto di Guarcino. Programma di intrattenimento La musica dal vivo sarà protagonista dell’evento: sabato 13 luglio, i Bonnie Quartet incanteranno il pubblico con la loro performance accattivante, mentre domenica 14 luglio sarà la volta degli artisti di strada 3dane, garantendo giornate piene di ritmo e buona compagnia. Attività per tutta la famiglia Oltre alla gastronomia e alla musica, la festa offre divertimento per tutte le età, con giochi per bambini, spettacoli e intrattenimenti che renderanno l’esperienza indimenticabile per ogni visitatore. L’atmosfera fresca e ospitale di Guarcino contribuirà a creare un ambiente accogliente e rilassato per trascorrere serate estive piacevoli. Non perdere l’evento dell’estate La Festa del Prosciutto di Erzinio è un’occasione imperdibile per chi ama il buon cibo e desidera immergersi nella cultura e nelle tradizioni locali. Non mancate questa celebrazione unica che porta il meglio della gastronomia ciociara sotto le stelle di Guarcino.

Vino, estate e condivisione un viaggio tra profumi e sapori

Vino, estate e condivisione: un viaggio tra profumi e sapori

Vino, estate e condivisione: un viaggio tra profumi e sapori Vino, estate e condivisione: un viaggio tra profumi e sapori Introduzione Con l’arrivo dell’estate, il mondo del vino diventa protagonista di numerosi eventi e manifestazioni, celebrando i sapori e gli aromi delle nostre terre. Sara Sepahi , sommelier di grande impegno e passione, ci guida ogni mese in questo affascinante universo, raccontandoci le storie e le tradizioni che si nascondono dietro ogni calice. L’estate è il momento ideale per partecipare a degustazioni, fiere e festival dedicati al vino, dove cibo, cultura e territorio si incontrano in una sinfonia perfetta. Da Roma con il Forum della Cultura del Vino e Festa dei Sommelier, a selezioni straordinarie presentate da DoctorWine , ogni evento offre un’opportunità unica di esplorare e apprezzare la ricchezza vinicola italiana. Grazie all’impegno di questi professionisti, possiamo immergerci in esperienze che vanno oltre la semplice degustazione, scoprendo il vero valore del vino come strumento di connessione e condivisione. Lasciatevi ispirare e trasportare in questo viaggio sensoriale, brindando all’estate e a tutto ciò che di meraviglioso ha da offrire. Benvenuta estate Benvenuta estate e con te la voglia sempre nuova di serate vissute all’aperto, in luoghi che coccolano l’anima stanca della giornata calda e affaccendata. Il desiderio scalpitante dell’imbrunire ci conduce ad appuntamenti attesi per ristorarci sulla leggerezza di una serata di condivisione attraverso chiacchiere, incontri e naturalmente calici di buon vino per brindare “al momento”, a quel “qui e ora” Eventi protagonisti dell’estate Le occasioni che in questo periodo si aprono a noi sono davvero numerose; ovunque un crogiolo di eventi dove cibo vino e territorio si fanno protagonisti e portatori di storie, divulgatori di esperienze e strumenti di viaggio attraverso sapori, aromi di regioni e luoghi ancora tutti da scoprire. Questo mese desidero parlarvi degli eventi che hanno il vino come protagonista e di quanto la …

Spazio pubblicita in basso pagina Ristorante For de Porta

Osteria for de porta a Marino

Osteria for de porta a Marino Osteria for de porta a Marino La paura dona le ali al coraggio “L’idealismo, la  dignità  della  ricerca  pura, il  desiderio  di  perseguire  la verità in tutte le sue forme, sono tutte  cose  bellissime, ma prima o poi arriva un  momento  in cui si comincia a  sospettare  che esista una qualche verità  reale , e che questa verità sia che tutto l’infinito multidimensionale dell’ Universo  è quasi certamente governato da un branco di  pazzi . E se si arriva a dover  scegliere  fra il passare altri dieci milioni di anni a cercare di  scoprire  questa semplice verità e il prendere i  soldi  e  scappare , io personalmente sceglierei quest’ultima possibilità”.       D.Adams Decifrare il linguaggio significa spesso riuscire a capire verità riguardo a noi stessi che non siamo in grado di cogliere nella nostra vita quotidiana. Per questo quando si sogna si ha una percezione molto più equilibrata di quello che sta succedendo nella nostra vita. Sentire che manca qualcosa ma non riuscire a definire cosa, è una sensazione molto comune. Ci si sente così perché abbiamo tutti un pezzo mancante; per alcuni è un piccolo frammento, per altri è un enorme tassello. Tutti, nella vita, ci siamo lasciati alle spalle una parte di noi. C’è chi, per cercare di ritrovare il pezzo mancante, gira il mondo, chi prova tante esperienze. E quasi nessuno trova mai la pace. L’Autostoppista vaga per la vita preferendo le strade non battute, ricercando esperienze ed emozioni sublimi. Sceglie in quali scorci fermarsi per riposare e in quali incroci rallentare per riflettere, con la consapevolezza che il suo cammino non è una gara, la competizione non esiste se non con sé stesso, perché il suo percorso vuole essere unico. È attraverso il viaggio che ha voluto non essere schiavo delle aspettative altrui, per capire cosa rende lui stesso felice davvero. Prendendo in considerazione le infinite possibilità che …

La tragedia dei braccianti

La tragedia dei braccianti

La tragedia dei braccianti La tragedia dei braccianti Un sistema insostenibile che dobbiamo cambiare Il recente caso del bracciante agricolo sfruttato e morto è solo l’ultimo di una lunga serie di episodi che mettono in luce un sistema profondamente ingiusto e insostenibile. Da oltre dieci anni, attraverso le pagine dei nostri giornali, continuiamo a denunciare le pratiche disumane che spesso si celano dietro i prezzi stracciati della grande distribuzione, promuovendo la stagionalità della frutta, della verdura e del pescato. È un sistema che conviene a molti, ma a che prezzo? I prodotti a basso costo sugli scaffali dei supermercati sono spesso il risultato dello sfruttamento dei lavoratori nelle aziende agricole. È un modello che distrugge le vite e degrada la dignità umana, mentre arricchisce solo pochi. Dall’altro lato, mentre i nostri braccianti e le aziende a carattere familiare sorridono mentre coltivano la propria terra, felici di quello che fanno, vediamo un esempio di come potrebbe essere un futuro sostenibile. Queste realtà lavorano con passione e rispetto per l’ambiente, contribuendo al benessere delle loro comunità. La sostenibilità non è solo una parola di moda, ma una necessità urgente. Ecco tre ragioni per cui dobbiamo smettere di fare la spesa nella grande distribuzione e supportare le piccole aziende agricole a carattere familiare: Migliore sostenibilità ambientale Le piccole aziende agricole, spesso a conduzione familiare, utilizzano pratiche più rispettose dell’ambiente. Evitando l’uso intensivo di pesticidi e fertilizzanti chimici, preservano la biodiversità e mantengono la qualità del suolo. Supportare queste realtà significa contribuire a un futuro più verde e sano per tutti. Prodotti più salutari Gli alimenti provenienti dalle piccole aziende agricole sono generalmente più freschi e meno trattati. Sono coltivati con amore e cura, spesso seguendo metodi biologici o integrati. Scegliendo questi prodotti, non solo miglioriamo la nostra salute, ma sosteniamo anche un modo …

Caprarola Palazzo Farnese - D'O Tuscia

La magia della cucina della Tuscia

La magia della cucina della Tuscia Un viaggio gastronomico alla Trattoria del Cimino a Caprarola Caprarola , con il suo incantevole paesaggio e il maestoso Palazzo Farnese , è un gioiello nascosto nel cuore della Tuscia viterbese. Ma oltre alle meraviglie architettoniche e naturali, c’è un altro tesoro che vale la pena scoprire: la Trattoria del Cimino . Come food writer e giornalista gastronomico, la mia visita a questo ristorante è stata un’esperienza che ha risvegliato i sensi e celebrato la tradizione culinaria del Lazio. Una storia di famiglia e tradizione La Trattoria del Cimino non è solo un ristorante, ma un pezzo di storia vivente. Fondata nel 1940 come Fraschetteria del Cimino, ha mantenuto intatto il suo spirito originario, trasformandosi da semplice osteria a trattoria di eccellenza. L’anima della cucina è Maria Assunta , che ha ereditato il sapere culinario delle donne che l’hanno preceduta. Ogni piatto che esce dalla cucina porta con sé il sapore delle generazioni passate e il rispetto per la tradizione. Caprarola: un borgo da scoprire Prima di lasciarvi conquistare dai sapori della Trattoria del Cimino, prendetevi del tempo per esplorare Caprarola. Questo borgo-gioiello è dominato dal maestoso Palazzo Farnese, un capolavoro rinascimentale che merita una visita approfondita. A pochi passi, si trova Palazzo Riario, un edificio storico che racconta le vicende del paese sin dal 1370. Questi luoghi non solo arricchiscono lo spirito, ma preparano il palato per l’esperienza culinaria che vi attende. Un menù che celebra il Lazio La cucina della Trattoria del Cimino è un omaggio ai sapori del Lazio. I piatti sono generosi nelle porzioni e ricchi nei sapori, con un’attenzione particolare alla qualità delle materie prime, tutte rigorosamente selezionate e rispettose delle stagioni. Tra le specialità da non perdere, i pici all’amatriciana sono un vero e proprio capolavoro, una pietra di paragone per chiunque ami questa celebre ricetta laziale. Premiati come …

Natura al Flora cult delle Fendi

Natura in numeri: l’incanto di Flora Cult

Natura in numeri: l’incanto di Flora Cult In un mondo sempre più dominato dall’artificio e dalla frenesia, eventi come il Flora Cult emergono come vitali promemoria dell’importanza di riconnettersi con le radici profonde e autentiche dell’esistenza umana: la natura e la sua inesauribile ricchezza. Quest’anno ho avuto la fortuna di immergermi in questo straordinario incontro tra botanica e cultura sostenibile, non solo come amante della natura, ma anche come food writer e giornalista, portando con me una passione viscerale per tutto ciò che è verde e vivente. Gianmarco Odifreddi Matematico, accademico e divulgatore scientifico, presente al Flora Cult, ha aggiunto un fascino particolare, rendendo l’evento ancora più irresistibile per me. Ascoltare il suo unico approccio alla matematica applicata al mondo naturale ha arricchito enormemente la mia esperienza. Odifreddi possiede il raro talento di trasformare i numeri in poesia, facendo danzare le equazioni con la stessa grazia delle foglie mosse dal vento. Il Flora Cult non è solo un evento; è un manifesto vivente che dimostra come la cultura possa e debba integrarsi con l’ambiente. Ogni stand, ogni discussione, ogni pianta esposta testimonia come la creatività umana possa coesistere armoniosamente con il mondo naturale, arricchendolo piuttosto che sfruttarlo. È un luogo dove i principi di sostenibilità non sono solo teorizzati ma messi in pratica, dove l’arte incontra la scienza e dove la bellezza delle piante tocca le corde profonde dell’etica e del benessere. Inoltre, questa 4 giorni serve da potente catalizzatore per un cambiamento più ampio nella società, promuovendo un modo di vivere più rispettoso dell’ambiente e più consapevole delle infinite possibilità offerte dalla natura. Il Flora Cult mostra mercato florovivaistica e di sostenibilità La manifestazione celebra la natura e la matematica: Gianmarco Odifreddi al centro della scena Nel cuore verde della capitale, si è svolta la tredicesima edizione del Flora Cult , l’evento annuale …

Jannik Sinner e i Carota Boys

Un sogno tinto di arancione – Jannik Sinner

Un sogno tinto di arancione – Jannik Sinner È così che potremmo descrivere la straordinaria avventura di sei amici, uniti dalla passione per il tennis e per un giovane campione italiano, Jannik Sinner. Questo sogno ha preso vita tra le pagine del loro primo libro, Sogno arancione. Sei amici e un pazzo amore per un grande sportivo, edito da Rizzoli, presentato lo scorso 16 maggio all’Open Baladin di Cuneo. Gianluca Bertorello, Alessandro Dedominici, Lorenzo Ferrato, Francesco Gaboardi, Alberto Mondino e Enrico Ponsi, conosciuti come i Carota Boys, hanno trasformato una passione condivisa in una storia indimenticabile. Sei ragazzi di Revello, un piccolo comune del Piemonte, legati da un’amicizia solida e da un amore viscerale per il tennis, che hanno saputo inseguire i loro sogni con determinazione e un pizzico di follia. Tutto è iniziato il 12 maggio 2023, al Foro Italico di Roma. Indossando costumi da carota acquistati online, i cinque amici hanno deciso di sostenere Jannik Sinner durante il match contro Kokkinakis. Un gesto semplice, quasi scherzoso, che in pochi giorni li ha trasformati nei celebri Carota Boys. Mancava solo Alberto, che all’ultimo momento non era riuscito a trovare il suo costume, ma si è unito presto al gruppo con entusiasmo rinnovato. La svolta è arrivata il 26 maggio, quando hanno ricevuto una mail inaspettata da Lavazza , che li invitava al Roland Garros per tifare Sinner. È iniziata così un’avventura che li ha portati in giro per il mondo, tra tornei internazionali e momenti indimenticabili. Parigi, Rotterdam, Torino: ogni tappa è stata un capitolo di una favola moderna, fatta di passione, amicizia e sogni che si realizzano. Sogno arancione, non è solo la cronaca di un viaggio straordinario, ma un racconto di vita, di sogni condivisi e di legami indissolubili. Le 238 pagine del libro offrono uno spaccato autentico e coinvolgente …

Strada dell'appia antica da roma ai castelli romani

La strada dell’Appia Antica da Roma ai Castelli Romani

La strada dell’Appia Antica da Roma ai Castelli Romani Un viaggio tra storia, monumenti e turismo Un accenno alla storia dell’appia Antica La costruzione della Via Appia ha rappresentato nell’antichità un evento di straordinaria rilevanza, non solo dal punto di vista dell’ingegneria e della concretezza del disegno politico impresso a intere nazioni allora costituenti l’Italia antica, ma per le implicazioni storiche sottese alla sua realizzazione, che coinvolsero per ben più di un millennio le civiltà bagnate da oltre la metà del Mediterraneo. La strada infatti venne a percorrere tutta l’Italia antica , allacciando il mare Tirreno all’opposto mare, attraversando il Lazio, la Campania, il Sannio, la Lucania e la Puglia: le regioni, cioè, che costituivano quasi tutta la parte più ricca e civile della Penisola. La realizzazione e l’evoluzione della Via Appia La via fu realizzata nel primo tratto, fino a Capua (oggi S. Maria Capua Vetere), dal censore Appio Claudio nel 312 a.C. Capua era allora, per importanza e grandezza, la terza città dell’Italia, dopo Roma stessa e Taranto, e costituiva il più importante nodo per le comunicazioni verso il Meridione. La via Appia fu prolungata poi, man mano che le armi romane avanzavano nelle regioni meridionali, a Benevento nel 268 e subito dopo a Venosa, a Taranto nel 272, infine a Brindisi, che raggiunse prima del 191 a.C. Quando la via fu realizzata nel tratto fino a Capua, alla fine del IV sec. a.C., Roma era ormai una delle maggiori città del Mediterraneo. Roma, sicura sul fronte settentrionale e orientale contro gli Etruschi e i Sabini, vincitrice della Lega Latina nel 338, dopo lo sterminio degli Equi e dei Volsci sul fronte sud orientale e meridionale, si affacciava con prepotenza alla conquista della Campania, contendendola ai Sanniti. In questo clima primeggia la figura di Appio Claudio Crasso, che sarà poi detto il Cieco: una delle …

Casa Barnekow a cura di Chiara Carla Napoletano

Casa Barnekow

Casa Barnekow – Anagni Casa Barnekow È una dimora storica situata nel centro di Anagni. Presenta uno stile unico di architettura medievale; fu costruita sotto il pontificato del Papa anagnino Gregorio IX, ma il nome ricorda un nobile barone e alchimista svedese, chiamato appunto Barnekow Alberto, che nella seconda metà dell’Ottocento, nel 1860, dopo aver sposato una sua modella di origine anagnina, l’acquistò e ne decorò la facciata con affreschi e lapidi di argomento religioso ed esoterico scritte in diverse lingue, dopo essersi convertito al Cattolicesimo. Tribuna Albertina La facciata fu nominata dal barone stesso “Tribuna Albertina” e per la realizzazione della stessa ci vollero 25 anni. Oggi le illustrazioni, le iscrizioni e i significati alchemici sono spiegati dettagliatamente all’interno della casa insieme alla storia e al vissuto del barone. Per questo motivo lo stile di questa dimora appare subito particolare e unico al primo colpo d’occhio. Prima del barone, la dimora ha conosciuto diversi proprietari appartenenti a varie famiglie nobili di Anagni: i Tomasi, i Ciprani e i Gigli, per questo motivo un altro nome con il quale è identificata la dimora è proprio “Casa Gigli”, come la presentò lo storico medievalista tedesco Ferdinand Gregorovius nel suo scritto “In giro per L’Italia”, dove lo scrittore racconta e descrive le città che ha visitato nei suoi viaggi, tra cui Anagni, definita una delle più belle terrazze d’Europa. Dopo di lui hanno parlato della dimora anche lo storico R. Ambrosi De Magistris nella sua “Storia di Anagni” del 1889 e P. Zappasodi in “Anagni attraverso i secoli” del 1907. Recentissima è poi la pubblicazione dell’archeologo G. Viti “Casa Barnekow, tribuna di un alchimista”. La dimora appartenne anche al noto artista anagnino Tommaso Gismondi che ne fece un’area espositiva delle sue opere e ne curò un parziale restauro. L’esterno è molto pittoresco con …

Casa Barnekow a cura di Chiara Carla Napoletano

Casa Barnekow

Casa Barnekow – Anagni Casa Barnekow È una dimora storica situata nel centro di Anagni. Presenta uno stile unico di architettura medievale; fu costruita sotto il pontificato del Papa anagnino Gregorio IX, ma il nome ricorda un nobile barone e alchimista svedese, chiamato appunto Barnekow Alberto, che nella seconda metà dell’Ottocento, nel 1860, dopo aver sposato una sua modella di origine anagnina, l’acquistò e ne decorò la facciata con affreschi e lapidi di argomento religioso ed esoterico scritte in diverse lingue, dopo essersi convertito al Cattolicesimo. La facciata fu nominata dal barone stesso “Tribuna Albertina” e per la realizzazione della stessa ci vollero 25 anni. Oggi le illustrazioni, le iscrizioni e i significati alchemici sono spiegati dettagliatamente all’interno della casa insieme alla storia e al vissuto del barone. Per questo motivo lo stile di questa dimora appare subito particolare e unico al primo colpo d’occhio. Prima del barone, la dimora ha conosciuto diversi proprietari appartenenti a varie famiglie nobili di Anagni: i Tomasi, i Ciprani e i Gigli, per questo motivo un altro nome con il quale è identificata la dimora è proprio “Casa Gigli”, come la presentò lo storico medievalista tedesco Ferdinand Gregorovius nel suo scritto “In giro per L’Italia”, dove lo scrittore racconta e descrive le città che ha visitato nei suoi viaggi, tra cui Anagni, definita una delle più belle terrazze d’Europa. Dopo di lui hanno parlato della dimora anche lo storico R. Ambrosi De Magistris nella sua “Storia di Anagni” del 1889 e P. Zappasodi in “Anagni attraverso i secoli” del 1907. Recentissima è poi la pubblicazione dell’archeologo G. Viti “Casa Barnekow, tribuna di un alchimista”. La dimora appartenne anche al noto artista anagnino Tommaso Gismondi che ne fece un’area espositiva delle sue opere e ne curò un parziale restauro. L’esterno è molto pittoresco con una scalinata …

Cheesecake ai lamponi della Pastry chef di Ciociaria&Cucina

Cheesecake ai lamponi

Cheesecake ai Lamponi
La Cheesecake ai lamponi è un capolavoro della pasticceria che combina la cremosità del formaggio con l’acidità vivace dei lamponi, offrendo un’esperienza gustativa unica e raffinata.

La base croccante di biscotti tritati e burro fuso supporta una crema morbida e vellutata, preparata con formaggio spalmabile, panna fresca e yogurt greco. La dolcezza della crema viene bilanciata da un coulis di lamponi freschi, che aggiunge una nota acidula e frizzante, rendendo ogni morso sorprendentemente fresco.

La preparazione di questa cheesecake, sebbene meticolosa, è un viaggio sensoriale che culmina in un dessert non solo delizioso ma anche esteticamente invitante. Perfetta per concludere una cena elegante o per rinfrescare una calda giornata primaverile, questa cheesecake celebra la creatività culinaria.

Ogni componente della Cheesecake ai lamponi è pensato per esaltare gli altri, dal profumo delicato della vaniglia al retrogusto sottile del limone, rendendo questo dolce un esempio sublime di armonia tra i contrasti.

Cheesecake ai lamponi della Pastry chef di Ciociaria&Cucina

Cheesecake ai lamponi

Cheesecake ai Lamponi
La Cheesecake ai lamponi è un capolavoro della pasticceria che combina la cremosità del formaggio con l’acidità vivace dei lamponi, offrendo un’esperienza gustativa unica e raffinata.

La base croccante di biscotti tritati e burro fuso supporta una crema morbida e vellutata, preparata con formaggio spalmabile, panna fresca e yogurt greco. La dolcezza della crema viene bilanciata da un coulis di lamponi freschi, che aggiunge una nota acidula e frizzante, rendendo ogni morso sorprendentemente fresco.

La preparazione di questa cheesecake, sebbene meticolosa, è un viaggio sensoriale che culmina in un dessert non solo delizioso ma anche esteticamente invitante. Perfetta per concludere una cena elegante o per rinfrescare una calda giornata primaverile, questa cheesecake celebra la creatività culinaria.

Ogni componente della Cheesecake ai lamponi è pensato per esaltare gli altri, dal profumo delicato della vaniglia al retrogusto sottile del limone, rendendo questo dolce un esempio sublime di armonia tra i contrasti.

Cibo di stagione - Maggio

Il cibo di stagione a maggio

Il cibo di stagione a maggio Benvenuto maggio: un mese di abbraccio tra natura e tavola Maggio ci accoglie con il risveglio della natura e l’esplosione dei suoi colori e sapori, segnando un momento di trasformazione tanto nei paesaggi che nei nostri piatti. Questo mese, simbolo di rinnovamento, ci invita a riscoprire la ricchezza e la varietà dei prodotti stagionali che le nostre terre offrono generosamente. Dall’asparago verde e vigoroso ai succosi frutti di bosco, ogni ingrediente racconta la storia di un legame indissolubile tra la cucina e l’ambiente che ci circonda. Optare per alimenti di stagione non è soltanto una scelta culinaria, ma un vero e proprio atto di rispetto e sostenibilità verso il pianeta e le economie locali. L’abbraccio tra la tavola e la natura in questo mese non è solo un gesto gastronomico, ma una celebrazione della vita stessa. Unisciti a noi in questo viaggio sensoriale attraverso i tesori che maggio ha da offrire, esplorando antichi sapori e scoprendo nuove ricette che esaltano la freschezza e l’autenticità dei prodotti del momento. La verdura di maggio Asparagi – Sfruttati in tutto il loro breve periodo di disponibilità, gli asparagi sono protagonisti in piatti come risotti o accanto a uova all’occhio di bue. Conosciuti per la loro versatilità, si prestano a una varietà di metodi di cottura. Agretti – Con il loro gusto acidulo, gli agretti sono perfetti cotti a vapore, semplicemente conditi con olio extravergine di oliva, o come base per piatti più complessi come la tartare di manzo. Barbabietole – Le loro note dolci si sposano bene sia in piatti salati come risotti al gorgonzola sia in preparazioni come creme e purè. Broccoli, Cavolfiori e altri Cavoli – Queste verdure crucifere si prestano a infinite preparazioni, dal bollito al gratinato, e sono ricche di vitamine e minerali. …