Food for Profit - 𝐓𝐫𝐚𝐬𝐟𝐨𝐫𝐦𝐚𝐫𝐞 𝐠𝐥𝐢 𝐮𝐨𝐦𝐢𝐧𝐢 𝐢𝐧 𝐮𝐨𝐦𝐢𝐧𝐢 𝐮𝐜𝐜𝐞𝐥𝐥𝐨

𝐓𝐫𝐚𝐬𝐟𝐨𝐫𝐦𝐚𝐫𝐞 𝐠𝐥𝐢 𝐮𝐨𝐦𝐢𝐧𝐢 𝐢𝐧 “𝐮𝐨𝐦𝐢𝐧𝐢 𝐮𝐜𝐜𝐞𝐥𝐥𝐨”

Oggi, dopo aver apprezzato la creatività umana a teatro, ho visto il documentario Food for Profit su Report, che ha evidenziato pratiche discutibili nell’industria degli allevamenti intensivi. Nel nostro mondo, che sembra un teatro dell’assurdo, la scienza sfida la natura creando maiali con sei zampe, tori senza corna e polli senza piume. Questi esperimenti bizzarri non sono vere soluzioni ma piuttosto sintomi di un’industria che ha perso ogni bussola morale. È tempo di riflettere sulla direzione che stiamo prendendo e di spingere per un cambiamento verso pratiche più sostenibili e rispettose della vita.

La stella verde Michelin di Livia Gualtieri

La stella verde Michelin

Ristorazione Sostenibile: Le Stelle Verdi Michelin

Scopri l’impatto delle stelle verdi Michelin nella ristorazione sostenibile. Queste stelle rappresentano un prestigioso riconoscimento per i ristoranti che dimostrano un forte impegno verso la sostenibilità ambientale. Esplora i criteri rigorosi di valutazione, che includono la scelta di fornitori sostenibili, la riduzione degli sprechi e l’adozione di pratiche etiche. Le stelle verdi non solo promuovono la qualità gastronomica, ma anche la difesa dell’ambiente e il benessere sociale.

Cena nello Spazio con lo chef Rasmus Munk

A cena nello spazio

Nel 2025, otto fortunati avranno l’opportunità unica di partecipare alla prima cena spaziale della storia, a bordo della Spaceship Neptune. Questa cena, che si svolgerà a oltre trenta chilometri dalla Terra, sarà curata da Rasmus Munk, lo chef doppia stella Michelin dell’Alchemist di Copenaghen. Nota per la sua cucina “olistica” che fonde arte, musica, tecnologia visiva e scienza, la cena promette di essere un’esperienza senza pari, estendendosi oltre il semplice atto del mangiare. Oltre alla sua esclusività e al suo costo elevato—circa mezzo milione di euro a persona—questa cena contribuirà anche a una causa nobile: tutti i proventi saranno infatti devoluti al Space Prize Foundation per promuovere la parità di genere nella scienza e nella tecnologia.

Land Art di Livia Gualtieri

Land Art

Questo articolo esplora l’intersezione tra arte e natura attraverso la Land Art, con un focus particolare su un festival in Sardegna che valorizza il territorio usando materiali naturali per creare opere d’arte temporanee. Le installazioni promuovono il turismo sostenibile e l’integrazione comunitaria, dimostrando come l’arte possa connettere le persone e rispettare l’ambiente.

L’albero della Sicurezza a Frosinone

L’albero della Sicurezza

L’albero della Sicurezza L’albero della Sicurezza ANMIL e MLAC unite per ricordare le vittime sul lavoro Un albero di Natale molto particolare è stato inaugurato il 4 Dicembre presso l’ingresso della Curia Vescovile di Frosinone in Via dei Volsci. Si tratta dell’Albero della Sicurezza, un progetto del M. Francesco Sbolzani per la fondazione ANMIL “Sosteniamoli Subito”, dedicato a tutte le vittime del lavoro e ai loro familiari. L’albero è stato realizzato montando su un’intelaiatura da cantiere i tradizionali caschetti antinfortunistici: gialli per rappresentare tutti i lavoratori, rossi per gli infortuni e infine neri per le morti sul lavoro. In tutta Italia verranno inaugurati oltre 50 Alberi della Sicurezza, un modo per ricordare i 489.526 infortuni sul lavoro e gli 868 incidenti mortali dei primi 10 mesi del 2023. Tutti gli alberi sono realizzati in collaborazione con il Movimento dei Lavoratori di Azione Cattolica L’albero di Piedimonte San Germano e di Frosinone La Ciociaria può vantare la presenza di ben due Alberi della Sicurezza, uno presso Piedimonte San Germano e uno Presso Frosinone, quest’ultimo inaugurato lo scorso lunedì 4 Dicembre alla presenza del Sindaco di Frosinone il Dott. Riccardo Mastrangeli, di Domenico Loffreda, Presidente territoriale ANMIL di Frosinone, di Giuseppe Zambon, Delegato MLAC e del Vicario Generale Mons. Giovanni Di Stefano che ha benedetto l’Albero. La cerimonia d’inaugurazione è avvenuta anche alla presenza di alcune classi del vicino plesso scolastico “La Rinascita”.