Volti in evoluzione, sua antica sorella la fisiognomica

Volti in evoluzione

Volti in evoluzione Sebbene la frenologia sia oggi considerata una scienza sorpassata, la fisiognomica , sua più antica e popolare sorella, ogni tanto torna di moda. Il termine “fisiognomica” deriva da due vocaboli greci che indicano “natura fisica” e “cognizione”. Questa scienza deduce il carattere di una persona dalle particolarità del suo volto e del suo corpo (volti in evoluzione). Analisi fisiognomica La fronte alta e spaziosa, ad esempio, suggerisce la predominanza del pensiero, mentre labbra grosse e carnose possono essere associate a sincerità e sensualità. Un mento sfuggente potrebbe essere considerato un segno di debolezza. Ogni particolare del viso e ogni atteggiamento del corpo svelano un lato del carattere. La Rinascita della fisiognomica Sebbene la fisiognomica non sia considerata una scienza esatta e sia destinata principalmente agli ustionati gravi, recentemente si è manifestato un interesse crescente in un approccio più drastico: il trapianto facciale. L’operazione, sviluppata dal chirurgo britannico Dr. James Frame presso l’Ospedale St. Andrews di Londra, è attualmente riservata agli ustionati gravi e viene eseguita sotto controllo psichiatrico. Il futuro della fisiognomica Se la fisiognomica dovesse evolversi in una scienza più esatta, potrebbe aprirsi la strada a nuove possibilità, forse estendendosi anche al di fuori dei casi di ustioni gravi. Tuttavia, la questione etica e psicologica rimane al centro del dibattito. Al giorno d’oggi, esiste anche un’alternativa più radicale: il trapianto facciale, che potrebbe cambiare non solo l’aspetto fisico ma anche il cervello sottostante. La fisiognomica, benché antica, continua a suscitare interesse, portando con sé nuove prospettive e sfide.  

La mia zuppa detox Un rinascita del benessere

La mia zuppa detox

La mia zuppa detox Un rinascita del benessere Inizio dell’anno nuovo significa nuovi propositi e, perché no, un nuovo approccio al benessere. La mia zuppa detox è la soluzione ideale per chi cerca di rigenerarsi dopo le festività, un modo per purificare il corpo senza rinunciare al gusto. Questa ricetta è un omaggio alla natura e alla sua capacità di nutrirci in modo sano ed equilibrato. La zuppa combina ingredienti freschi e ricchi di nutrienti, come il finocchio croccante e il sedano, con la tenerezza della scarola e la cicoria, verdure conosciute per le loro proprietà depurative e rinfrescanti. L’olio extravergine di oliva, con il suo profilo aromatico, lega insieme i sapori, mentre la cipolla e l’aglio aggiungono quel tocco di intensità che rende ogni piatto indimenticabile. Ma il vero segreto di questa zuppa sta nell’uso di semi misti e nocciole tostate. I semi di girasole, lino e sesamo non solo arricchiscono il piatto con una varietà di texture e sapori , ma sono anche una fonte di acidi grassi essenziali e fibre. Le nocciole, poi, con il loro gusto ricco e leggermente tostato, aggiungono una croccantezza sorprendente, rendendo ogni cucchiaiata un’avventura culinaria. Questa zuppa è più di un semplice pasto; è un gesto di cura verso se stessi, un modo per riconnettersi con il proprio corpo e ascoltarne le esigenze. In ogni sorso si cela un messaggio di amore e rispetto per il nostro organismo, un promemoria che “nel cibo trova la medicina per il tuo corpo e per la tua anima”. Perfetta per una cena leggera o come punto di partenza per una giornata all’insegna della salute, la mia zuppa detox è l’emblema di una cucina che nutre corpo e spirito. Un inizio fresco e sano per il nuovo anno Dopo le abbondanti celebrazioni delle festività, è tempo di nutrire il nostro …