Image
Home Blog Cultura Babbo Natale del terzo millennio

Babbo Natale del terzo millennio

a cura di Livia Gualtieri

28 Novembre 2023

Babbo Natale del terzo millennio

Babbo Natale del terzo millennio

Il mese di Dicembre ci porta a pensare alle festività e queste evocano alla mente scenari imbiancati e paesaggi nordici. Ai bimbi vengono raccontate storie in attesa che Babbo Natale arrivi dal Grande Nord con la sua slitta trainata da renne, portando doni. Immaginiamo scenari polari e villaggi sperduti in mezzo ai ghiacci, dai quali il simpatico ”vecchietto” giungerà. E l’atmosfera di festa cancella la coscienza di quanto quei luoghi stiano mutando a causa dei cambiamenti climatici e il rischio di perdere ciò che oggi diamo per scontato nel nostro bellissimo e sofferente pianeta, nella natura come l’abbiamo sempre conosciuta.

Il futuro sotto le tue mani

Gli scienziati ci dicono che nel 2100, un periodo che a noi sembra ancora molto lontano perché percepiamo il tempo secondo il metro della durata della nostra vita, ma che, geologicamente parlando, è molto più breve di quanto crederemmo, la maggior parte dei ghiacciai alpini potrebbe essere sparita. Questo sarebbe un danno enorme, non soltanto perchè perderemmo i magnifici paesaggi che oggi ammiriamo, ma anche importanti risorse idriche e la memoria storica di parte del nostro pianeta e dei cambiamenti in esso intercorsi lungo i millenni.

L’archivio del ghiaccio

Infatti il ghiaccio contiene, nelle sue stratificazioni, polveri atmosferiche, gas, isotopi radioattivi e resti biologici di forme di vita e costituisce un archivio naturale della storia del nostro pianeta e dei cambiamenti subiti nel corso delle varie ere. Per questo nel 2015 è nato il progetto Ice memory, tra l’Università Ca Foscari di Venezia, il Cnr e l’Università di Grenoble, volto a prelevare carote di ghiaccio nei siti a maggior rischio di scioglimento per poi stoccarle in una sorta di banca del ghiaccio in Antartide, dove potranno essere studiate e conservate a memoria del passato per le generazioni future.

Quando, cioè, Babbo Natale non potrà più scendere sui tetti dalla sua baita in mezzo ai ghiacci e i bimbi sentiranno storie molto diverse da quelle che sono state raccontate a noi. Questo Natale, con un po’ di fervida fantasia – quella che accompagna sempre l’infanzia e i momenti più magici – immaginiamo che i ricercatori  siano i Santa Claus del futuro e che le loro colorate tute da scalatori prendano il posto della giubba rossa bordata di candida pelliccia; che i mezzi da neve siano le slitte futuriste e i doni, fatti al pianeta e ai nostri discendenti, siano quei preziosi spezzoni di ghiaccio conservati, non in uno chalet, ma in una grotta scavata nel ghiaccio a -54°, accanto alla base Concordia. Non sarà un dono solo per noi, ma per tutta l’umanità. E, insieme al mistero e alla celebrazione della nascita santa in una povera grotta di pastori, nascita che ha cambiato per sempre la storia dell’umanità, guardiamo con ammirazione a questa grotta gelida in Antartide, luogo di ricerca e di pace perché libero da rivendicazioni di qualsiasi paese e da azioni militari. E, dunque, ideale per essere accostato ad una festa di pace e fratellanza.









Altri articoli della categoria Cultura

Sotto l'Angelo di Castello di Roberto Latini e Anna Selvi

Smarrita e Soave – Adriano, poeta, tra poeti di Roberto Latini

a cura di Alfio Mirone - Raccontatore teatrale

Smarrita e Soave – Adriano, poeta, tra poeti di Roberto Latini Smarrita e Soave – Adriano, poeta, tra i poeti ...
Tsundoku di Livia Gualtieri

Tsundoku

a cura di Livia Gualtieri

Tsundoku Tsundoku Chi scrive, solitamente, ama anche leggere Chi scrive, solitamente, ama anche leggere. Lettura e scrittura sono intimamente interconnesse. ...
un viaggio dall'ingegneria al mondo del vino_

Il potere delle passioni

a cura di Alessia Mirone e Benedetta Bottura

Il potere delle passioni Il potere delle passioni Un viaggio dall’ingegneria al mondo del vino In questo articolo, esploriamo il ...