Image
Home Blog Cultura Lupetto o abbacchio?

Lupetto o abbacchio?

a cura di Roberto Castellucci

Riflettendo sui piaceri della vita, mi sovviene questo irriverente paragone, per il quale offrirò preventivamente le mie scuse a tutti coloro che potrebbero sentirsi offesi. Il simpatico canide non è solo l’animale in via di estinzione (o non più? Speriamo…) ma è anche il simbolo di una delle tante squadre calcistiche della capitale che, mi chiedevo, quanta gioia potesse apportare ai suoi sostenitori. In effetti, essere tifosi di una qualunque squadra di calcio comporta spesso un notevole esborso economico. Se il biglietto per assistere alle partite negli stadi diventa sempre più caro, abbonarsi ai canali televisivi dedicati non è proprio un toccasana per i nostri conti correnti già provati dalle ultime catastrofi globali. Se a questo aggiungiamo, poi, gli ostacoli che si frappongono al tifo calcistico in presenza, ecco che la mia riflessione diventa attuale. Recarsi allo stadio, infatti, comporta una notevole spendita di tempo, tanto più nelle grandi città. Muoversi con la propria automobile o utilizzare i mezzi pubblici? Troverò il parcheggio? Passerà l’autobus diretto allo stadio e se passerà arriverò in tempo? Mi conviene prendere la metropolitana o un black out improvviso mi bloccherà in una buia galleria per essere poi ritrovato nel 2500 come un fossile del sapiens sapiens? E per rispondere all’interrogativo iniziale, cioè quanto piacere apporti al tifoso una squadra calcistica, non trovo difficile quantificarlo in una miseria temporale, spaziale e umana, dal momento che anche la compagine più blasonata italiana non vince tutte le domeniche e che, soprattutto, nelle nostre tasche non approda nulla. E l’abbacchio, che c’azzecca? In questo articolo il povero agnello sacrificale assume un valore metaforico, ricordandoci simbolicamente un alimento che una parte dei consumatori notoriamente apprezza. Non me ne vogliano animalisti, vegetariani e vegani, ma un abbacchio a scottadito ben cucinato rievoca ricordi lontani, quando il barbecue era il camino, quando le case erano caratterizzate di profumi dei cibi cucinati e non dai deodoranti ambientali, quando la domenica tutta la famiglia si sedeva a tavola e pranzava orgiasticamente, invasata da una calda e affettuosa convivialità.

A concludere, quanto piacere può dare, al confronto, un cibo ben cucinato? Lascio la risposta ai tre lettori che mi seguono, speranzoso di trovare la loro attenzione come scampolo di pensieri lusinghieri non legati all’arte pedatoria. Se arte è…

Ciociaria & Cucina Excellence nasce dall’idea di entrare nel mondo eno-gastronomico, di quella tipica realtà ciociara che si contraddistingue, non solo per una cucina fortemente legata al territorio e alla bellezza delle sue terre, ma per tutta quella eccellenza agricola e produttiva di cui tutta l'Italia ne è fiera.
Per questo motivo accompagneremo il lettore alla riscoperta di antichi sapori, sollecitando anche la sua voglia di conoscenza verso cammini storici-culturali, ambientali-escursionistici e enogastronomici. Metteremo in risalto ogni angolo che racchiude la storia di questa antica terra.

Polselli
Image

Altri articoli della categoria Cultura

Vacanze amarcord

Viaggio nostalgico nelle ferie del “secolo scorso”

a cura di Livia Gualtieri

Viaggio nostalgico nelle ferie del “secolo scorso” Agosto, tempo di vacanze. Questo mese fa tornare alla mente espressioni come “grande ...
Transumanza

Transumanza

a cura di Livia Gualtieri

Transumanza ”Settembre, andiamo. È tempo di migrare. Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori lascian gli stazzi e vanno verso ...
Image

Etoile

a cura di Livia Gualtieri

Etoile Miriam era ormai vecchia e stanca. La sua vita era stata lunga e avventurosa, direbbe qualcuno. Ma no, conoscere ...