Image
Home Blog AppuntiGastrosofici Viaggio nella storia alimentare del Natale

Viaggio nella storia alimentare del Natale

a cura di Alfio Mirone. Ricercatore di Eccellenze. Appassionato di Storia e Cultura gastronomica

28 Novembre 2023

Viaggio nella storia alimentare del Natale

Viaggio nella storia alimentare del Natale

Il Bimbo Divino, avvolto nel mistero della sua nascita, ha dato vita a una tradizione che, dal IV secolo d.C., trova collocazione fissa nel 25 dicembre. Le radici del Natale, tuttavia, si intrecciano con il passato pagano, scegliendo la data in concomitanza con il solstizio d’inverno, simbolo di un “nuovo sole” nelle culture precristiane.

Il Natale è una festa lunga, la più estesa dell’anno, e il convivio ne è la massima espressione. La tavola natalizia si erge come un palcoscenico di abbondanza e gioia, con il cibo che diventa protagonista. Come afferma un antico detto, i giorni di Natale sono un’occasione per scorpacciate e cuccagna universale.

Il convivio natalizio, originariamente propiziatorio, pone al centro il pane e la carne, manifestando il binomio eucaristico. Il pane, simbolo di vita eterna e fertilità della terra, richiama le parole di Gesù: “Io sono il pane della vita”. A Bethleme, “casa del pane” in ebraico, il pane natalizio diventa speciale, più ricco e alto, destinato a nutrire fino all’Epifania. La carne, simbolo di abbondanza, è protagonista in ricette regionali, arricchendo primi e secondi piatti.

Il cappone assume il ruolo centrale nel convivio, mentre i dolci, anticamente a base di miele, chiudono il banchetto con onore e dolcezza propiziatoria per il nuovo anno.

Il cibo e la tavola, elementi fondamentali di ogni festa, diventano veicoli di prosperità. La profusione di carni farcite e dolci mielati contrapposti alla frugalità quotidiana sottolinea la separazione tra alimento rituale e cibo nutritivo. I pranzi natalizi si trasformano in banchetti rituali, con attenzioni particolari alla cucina tradizionale e alla cura dei dettagli, come la paglia sotto la tovaglia nell’Est Europa.

Il calendario alimentare natalizio, estenuante nei suoi alternare digiuni, funzioni religiose e abbuffate, vede protagonisti pani ricchi e carni festose, simboli di prosperità e fecondità. Il pane, già donato durante i Saturnali, persiste come scambio prezioso in molte cerimonie offertorie.

Il banchetto festivo e le offerte alimentari diventano la parte più visibile di un complesso rituale che, attraverso atti enigmatici, trasmette i fili della nostra cultura da una generazione all’altra. In questa danza di sapori e simboli, la gastrosofia natalizia ci invita a gustare non solo il cibo, ma anche la ricchezza di significati che si celano dietro ogni piatto.










Altri articoli della categoria AppuntiGastrosofici

Senza posate, mangiare con le mani

Senza posate

a cura di Alessia Mirone - Sommelier e ingegnere

Senza posate Un viaggio nelle tradizioni culinarie a mani nude Benvenuti in un nuovo viaggio sensoriale nella rubrica “ AppuntiGastrosofici ...
Ovazioni culinarie - le uova nella gastrosofia

Ovazioni culinarie

a cura di Alessia Mirore - Studiosa di Food&Wine

Ovazioni culinarie Viaggio storico e culturale attraverso le ricette a base di uova L’uovo, un ingrediente fondamentale nella dieta umana ...
Gastrosofia: La storia del cibo

La storia del cibo

a cura di Alessia Mirore - Studiosa di Food&Wine

Gastrosofia: La storia del cibo Il rapporto tra cibo e storia umana è profondo e complesso, intrecciando la nascita di ...