Image
Home Blog Enogastronomia Benvenuti a Latina – Seconda parte

Benvenuti a Latina – Seconda parte

a cura di Alfio Mirone

Benvenuti a Latina è il mio viaggio lungo i comuni che costeggiano le bandiere blu di questa provincia. L’intento è quello di parlare del mondo enogastronomico, di quello ambientalista e culturale. Mettere a conoscenza il turista intelligente, che è alla ricerca dei buoni prodotti da acquistare e della buona tavola, di quel mondo di eccellenze di cui il territorio ne è pieno.

Il mio lavoro quotidiano è esprimermi sull’enogastronomia, sia come appassionato della buona cucina che come Ricercatore d’Eccellenza. Mi prodigo quotidiamente alla ricerca di quella ristorazione, di quella azienda che sia vinicola o olearia, che sia un caseificio o forno, insomma tutto ciò in cui rivedo l’eccellenza.

Tutto questo per semplificare e comunicare, dove rivolgersi per acquistare il prodotto migliore.

Nel primo weekend utile e privo di impegni, mi trasferisco a Sperlonga per qualche giorno.

Tra una gita in gommone e leggere un buon libro sotto l’ombrellone, con accanto l’inseparabile Giulietta, organizzo un po’ di lavoro prenotando i pranzi e le cene, in quei ristoranti consigliatomi da alcuni amici del posto.

Sperlonga è considerato uno dei borghi più belli d’Italia, con alcune delle spiagge più belle della Penisola. Camminare lungo i suoi viottoli, tuffarsi nel suo mare cristallino, farebbe sognare ad occhi aperti i turisti più attenti.

Spiagge comode e molto belle, oltre che diverse cose da visitare nelle pause dal mare. È una tra le mete turistiche più note del Lazio, e chi ancora non la conosce e deciderà di visitarla non rimarrà deluso.

Non è la capitale della vita notturna ma la sera il centro storico si anima, ideale per cene o passeggiate e una buona offerta di locali per i più giovani non manca.

Per i più fortunati e amanti della musica, riuscire ad ascoltare Gianmarco Carroccia nelle piazzette di Sperlonga, mentre suona le note di Lucio Battisti, sarebbe la ciliegina sulla torta.

Parliamo anche di cucina.

In questi giorni ho assaporato tantissime pietanze a base di pesce, girovagando e alla ricerca della più attenta ristorazione.

Devo fare i complimenti a questi professionisti del settore, molto attenti a soddisfare il turista di turno, sia per ospitalità che per i piatti proposti. Grande professionalità.

Questo è fare buon TURISMO

La ristorazione che ho visitato, è stata molto apprezzata sia da me e da chi mi ha accompagnato in questo piccolo viaggio. Uno in particolare ha esaltato il nostro palato e soddisfatto a pieno le nostre papille gustative.

Sarà stata la giovane età della cuoca Betty, sorridente, brava e appassionata, il buon servizio dei ragazzi in sala, una location sulla spiaggia, piatti importanti, tanto da consegnare il simbolo di eccellenza con il nostro Pomodoro, al “Belvedere Sperlonga Restaurant & Cocktail Bar”.

Trovato quasi per caso, in una di quelle camminate serali al chiaro di luna che ha colpito subito la mia attenzione.

La brezza del mare, lo sciabordio delle onde, miscelate ad una musica soft, il buon profumo di pesce che giungeva fino alla passeggiata. È così, che senza titubare si è deciso di prenotare un tavolo per la sera successiva.

Scelta indovinata. Un menù senza eccedere in quantità. Non avere alla carta infiniti piatti è sinonimo di qualità. Evviva la stagionalità e il pescato del giorno.

Quella sera c’era il pienone e l’entrée è stata molto gradita. Una buona scelta dei vini, con il cameriere ben preparato.

Insomma una serata da incorniciare

Il giorno dopo partenza per le varie aziende.

Facciamo subito capolino a Sonnino nell’azienda agricola di Alfredo Cetrone. Un grande produttore di olio, che con la sua itrana ha fatto innamorare tutti gli appassionati del suo oro verde.

Il suo profumo, l’amaro e la piccantezza, fanno esaltare il gusto ad ogni piatto. Oltre il suo IN che non può mai mancare nella mia dispensa, ho acquistato un nuovo olio: le Colline Pontine DOP.

Ve lo racconterò il mese prossimo nel mio Benvenuti a Latina.

Essendo un amante del buon pomodoro, con cui preparo tantissimi piatti, e di tutti gli ortaggi e frutta di stagione, non può mancare la mia visita all’Azienda Bio Salvatore Ferrandes a Borgo Grappa – Latina.

Il loro metodo di coltivazione è biologico certificata, una delle prime aziende ad aver creduto al benessere della terra e del suo frutto.

Passo da loro per la spesa ogni 15 gg. Il bottino del giorno è una scorta di pomodori per le mie salse e le insalate, che in questa stagione non mancano mai.

Lungo la via del ritorno, la sosta è presso l’Azienda è la Alan Farm a Pontinia dell’amico Luca Andriollo, per acquistare le migliori mozzarelle del territorio e della buona carne proveniente dai suoi allevamenti.

Il mese prossimo parleremo della buona ristorazione a San Felice Circeo.

Siete curiosi… e allora non perdetevi il numero di Agosto!

Ciociaria & Cucina Excellence nasce dall’idea di entrare nel mondo eno-gastronomico, di quella tipica realtà ciociara che si contraddistingue, non solo per una cucina fortemente legata al territorio e alla bellezza delle sue terre, ma per tutta quella eccellenza agricola e produttiva di cui tutta l'Italia ne è fiera.
Per questo motivo accompagneremo il lettore alla riscoperta di antichi sapori, sollecitando anche la sua voglia di conoscenza verso cammini storici-culturali, ambientali-escursionistici e enogastronomici. Metteremo in risalto ogni angolo che racchiude la storia di questa antica terra.

Polselli
Image

Altri articoli della categoria Enogastronomia

ara del tufo

Tenuta Ara del Tufo

a cura di della Redazione

È questo il principio che ha ispirato i fondatori quando hanno deciso di unire passione ed impegno per dar vita ...
Premio Mario Sarandrea 2022

Premio Mario Sarandrea 2022

a cura di Alfio Mirone

Il 18 luglio si è svolto il Premio Mario Sarandrea 2022. Il concorso, svoltosi presso il Museo Sarandrea, ha visto ...
ristorante Matertatuta

Il Culto della Metertatuta

a cura di Marco Sargentini

Il Culto della Metertatuta. “L’infinito in sè è piatto e poco interessante. Guardare un cielo notturno è guardare l’infinito: le ...