Ricerca Avanzata
Ricerca Avanzata
Altre opzioni di ricerca
abbiamo trovato 0 risultati
I tuoi risultati di ricerca

Serrone – Eremo S.Michele – Monte Scalambra

|

Dettagli del percorso

Natura in cammino – Alla scoperta dei tesori naturalistici del Lazio

a cura di Giovanni Castellucci – Guida Ambientale Escursionistica

Info e contatti: 346 515 2259

 

Puntata n. 3 – Serrone – Eremo S.Michele – Monte Scalambra

 

L’itinerario escursionistico proposto per questo nuovo incontro, si snoda nel territorio del Comune di Serrone, paese incastonato a mezza costa (738 m s.l.m.) del Monte Scalambra, propaggine del gruppo dei Monti Ernici. Il paese di Serrone, prende il nome dall’antico nome Serroni, a rappresentare le dorsali accidentate dell’Appennino Centrale e che caratterizzano per l’appunto i pendii delle falde del Monte Scalambra.

Per un’immersione in quella che è la manifestazione storica-culturale del paese, consigliamo la partenza da Piazza Romolo Fulli, dove, prima di intraprendere il tracciato montano, si potranno attraversare suggestivi vicoli ed ammirare scorci dal carattere medievale.

Numerosi scalini e stretti viottoli ci portano verso la Piazza della Chiesa di S.Pietro Apostolo, fino al culminare nella Rocca dei Colonna, dove i resti del castello della famiglia omonima, fanno da cornice ad uno scenario storico e paesaggistico rilevante.

Subito al di sopra della torre, si attraversa la strada e parte il nostro cammino, intraprendendo all’inizio una strada carrabile, via S.Michele, per poi arrivare all’imbocco del vero sentiero San Michele-M.Scalambra, segnalato con paline direzionali.

Si giunge ad un incrocio, in cui ci dirigeremo verso sinistra, per continuare a seguire le indicazioni per S.Michele, sul Sentiero Europeo E1 ed iniziare da qui un anello che ci riporterà in questo stesso crocevia, per poi tornare al punto di partenza.

La prima metà dell’escursione ha una pendenza piuttosto accentuata, ma con una copertura arborea costante, che assicura un discreto riparo dalla luce solare. Il clima mite, favorito dalle correnti calde del Mar Tirreno, l’esposizione soleggiata a Sud-Ovest, hanno permesso l’insediamento di un bosco termofilo a prevalenza di Lecci, querce sempreverdi tipiche degli ambienti forestali mediterranei, con intrusioni arboree di Carpino nero, Orniello ed altre specie erbacee dalle fioriture vistose (Orchidee, Falsa ortica bianca e rosa, pisello selvatico ecc.).

Il percorso continua in salita, fino ad incontrare un collegamento stradale; seguendo il sentiero escursionistico sulla destra ci troveremo direttamente al cospetto dell’Eremo di S.Michele Arcangelo (1105 m s.l.m.), da cui la vista si apre ad ampio raggio su tutta la Valle del Sacco, sulle propaggini dei Castelli Romani, fino a poter scorgere il Mar Tirreno che lambisce Anzio.

Si prosegue costeggiando la muraglia e lasciandoci alle spalle il romitorio, per inerpicarci sull’ultimo tratto che ci porta prima su un pianoro a picco, sfruttato dai deltaplanisti, fino ad arrivare al monumento Madonna della Pace, o Croce del Popolo a 1404 m di quota.

Per giungere allo Scalambra si continua pressoché in piano, lungo la linea di cresta, o mantenendosi all’interno del margine di faggeta, seguendo la segnaletica E1 fino a giungere dopo poche centinaia di metri sulla vetta, a quota 1420 m.

Da questo punto in poi, seguendo il Sentiero Europa si arriva ad un pianoro, passando per Sella Inzuglio, da cui inizia la discesa lungo vecchie mulattiere brecciate che portano fino ad un sentiero ampio, carrabile di collegamento con Piglio.

Procediamo a destra sul sentiero pianeggiante fino a giungere all’incrocio segnalato S. Michele, incontrato sul tragitto di andata, chiudendo in questo modo l’anello su menzionato e tornando al punto di partenza sul sentiero affrontato.

 

Difficoltà: E (Escursionistico) – EE (Escursionistico per esperti)

Dislivello: 700 m circa

Durata: 4 -5 h circa

Distanza a/r: 12 km circa

Periodo consigliato: dalla fine dell’inverno all’inizio della primavera e durante l’autunno.

Raccomandazioni: La segnatura della rete sentieristica non è delle migliori, i tracciati sono abbastanza battuti ed evidenti, ma in alcuni tratti potrebbero risultare fuorvianti e disorientare l’escursionista che frequenta il luogo per la prima volta, per cui adottare tutte le cautele, studiando bene il percorso sulla mappa, con tutti i dovuti strumenti di orientamento, o rivolgersi a delle guide esperte.

Contattaci per maggiori informazioni

    Contattaci attraverso il seguente modulo; il nostro Staff avrà cura di risponderti nel più breve tempo possibile!

    [ Tutti i campi sono obbligatori ]

    Il tuo nome e cognome

    Il tuo numero di telefono

    La tua email

    La tua richiesta

    Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi e per gli effetti del Reg.to UE 2016/679 nel rispetto delle disposizioni di legge e come specificato nella pagina Privacy. Titolare del trattamento dei dati è Ciociaria & Cucina.

    Recensioni degli agenti

    Deviaccesso per pubblicare una recensione

    Confronta gli elenchi